TAR Liguria, sentenza 26 luglio 2016, n. 876

Appalti, Servizi Pubblici, Tutte le News Commenti disabilitati

È illegittimo il provvedimento di aggiudicazione della gara per l’affidamento del servizio di raccolta dei rifiuti urbani porta a porta qualora, in violazione dell’art. 83 del d.lgs. 163/2006, ai fini della valutazione dell’offerta economicamente più vantaggiosa, vi sia nella lex specialis commistione fra i criteri soggettivi di capacità tecnica e professionale degli operatori economici e quelli oggettivi afferenti all’offerta in quanto tale, dovendosi ritenere illegittima la presenza di sub-elementi di valutazione quali il curriculum dell’azienda su servizi similari e il curriculum del personale su servizi similari che costituiscono aspetti rilevabili in sede di qualificazione alla gara. La commistione di elementi soggettivi di capacità tecnica e professionale degli operatori economici e quelli oggettivi afferenti all’offerta determina l’annullamento della lex specialis e dell’intera gara con i suoi esiti, non essendo possibile procedere ad un ricalcolo dei punteggi mediante lo scorporo di quello conseguito per i sub- elementi ritenuti illegittimi in ragione del fatto che ciò violerebbe l’affidamento che i concorrenti avevano legittimamente riposto nei criteri di valutazione indicati nella lex specialis.

Comments are closed.