Giurisprudenza PAT

Sono disponibili le prime pronunce dei giudici amministrativi in tema di Processo Amministrativo Telematico (PAT).

L’elenco sarà aggiornato progressivamente.

 

1. Consiglio di Stato, decreto 4 gennaio 2017, n. 10
2. Tar Calabria, ordinanza 26 gennaio 2017 n. 29
3. Tar Calabria, ordinanza 26 gennaio 2017 n. 33
4. Tar Basilicata, sentenza 6 febbraio 2017 n. 133
5. Tar Campania, Salerno, sentenza 6 febbraio 2017, n. 213
6. Tar Calabria , Catanzaro, ordinanza 9 febbraio 2017 n. 50
7. Tar Lazio, decreto 9 febbraio 2017, n. 683
(nullità ricorso depositato in formato nativo digitale non sottoscritto digitalmente – rimessione in termini)
8. Tar Calabria, Catanzaro, sentenza 10 febbraio 2017, n. 175
(deposito ricorso effettuato con formato diverso da quello richiesto dalle norme tecniche)
9. Tar Campania, Napoli, sentenza 13 febbraio 2017, n.892
(sottoscrizione atti con firma digitale )
10. Tar Basilicata, sentenza 14 febbraio 2017, n. 160
(notifica telematica – tipologia firma digitale)
11. Tar Campania, Napoli, ordinanza 15 febbraio 2017 n. 249
(formato della domanda fissazione udienza – deposito copia informatica documentazione di notifica)
12. Tar Campania, Napoli, sentenza 22 febbraio 2017, n.1053
(sottoscrizione digitale del ricorso – firma digitale non strumentale al solo deposito)
13. Tar Lazio, Roma, ordinanza 1 marzo 2017 n. 2891
(notifica via PEC)
14. Consiglio di Stato, ordinanza 3 marzo 2017 n. 880
(obbligo deposito copia cartacea del ricorso e degli atti difensivi – condizione per la decorrenza del temine dilatorio per fissazione udienza camerale)
15. Consiglio di Stato, ordinanza 3 marzo 2017 n. 919
(obbligo deposito copia cartacea del ricorso e degli atti difensivi – condizione per la decorrenza del temine dilatorio per fissazione udienza camerale)
16. Tar Lazio, ordinanza 8 marzo 2017 n. 3231
(estensione firma Pades posta in fondo al modulo – asseverazione ex art. 22 CAD – obbligo deposito copia cartacea – regolarizzazione deposito ricorso depositato con formato non corretto)
17. Tar Lazio, ordinanza 9 marzo 2017, n. 3258
(obbligo deposito copia cartacea del ricorso e degli atti difensivi – condizione per la decorrenza del temine dilatorio per fissazione udienza camerale)
18. Tar Lazio, ordinanza 9 marzo 2017, n. 3259
(obbligo deposito copia cartacea del ricorso e degli atti difensivi – condizione per la decorrenza del temine dilatorio per fissazione udienza camerale)
19. Tar Lazio, sentenza 10 marzo 2017, n. 3398
(nullitĂ  del ricorso per mancanza della sottoscrizione)
20. Tar Sicilia – Catania, sentenza 13 marzo 2017, n. 499
(sottoscrizione ricorso introduttivo – mancata sottoscrizione ed asseverazione della copia per immagine della procura – mancata sottoscrizione ed asseverazione della copia per immagine delle notifiche – inammissibilità del ricorso)

 

21. Tar Calabria, sentenza 15 marzo 2017, n. 209
(memoria non sottoscritta digitalmente – estensione firma Pades apposta in fondo al Modulo)
22. Consiglio di Stato, ordinanza 23 marzo 2017 n. 1322
(notifiche via PEC prima dell’entrata in vigore del PAT – rimessione Adunanza Plenaria)
23. Tar Campania, sentenza 28 marzo 2017 n. 1694
(firma digitale su atti – necessitĂ  sottoscrizione – firma Pades in fondo al modulo deposito non estendibile agli atti allegati)
24. Tar Campania – Napoli, sentenza 4 aprile 2017 n. 1799
(notifica PEC – atti sottoscritti con firma Cades – efficace)
25. Consiglio di Stato, sentenza 4 aprile 2017 n. 1541
(mancata sottoscrizione digitale del ricorso – mera irregolarità – obbligo  per il giudice amministrativo di assegnare termine per regolarizzare)
26. Tar Calabria – Reggio Calabria, ordinanza 26 aprile 2017 n. 69
(irregolaritĂ  degli atti depositati in regime PAT – assegnazione termine perentorio – regolarizzazione)
27. Tar Calabria – Catanzaro, ordinanza 26 aprile 2017, n. 679
(redazione secondo originale – ammissibilitĂ )
28. Tar Campania – Napoli, sentenza 5 maggio 2107 n. 2420
(ammissibilitĂ  procura a margine)
29. Tar Lazio – Roma, sentenza 9 maggio 2017, n. 5545
(notifica cartacea del ricorso – ammissibile tesi del c.d. “doppio originale” – entrambe le modalitĂ  seguite nella pratica possono essere considerate efficaci)
30. Tar Campania – Napoli, sentenza 28 giugno 2017 n. 3507
(ricorso nativo digitale privo di sottoscrizione digitale – violazione art. 136 co. 2 bis – non c’è nullitĂ  – principio raggiungimento dello scopo – sussistenza di elementi che consentono di imputare il ricorso al difensore costituito)
31. TAR Sicilia, sentenza 13 luglio 2017 n. 1842
(notifica via PEC – enti pubblici- pubblici elenchi – non utilizzabile indirizzo PEC contenuto in Indice PA – IPA)
32.Consiglio di Stato, sentenza 11 settembre 2017, n.4286
(ricorso depositato privo di firma e privo di asseverazione – mera irregolarità – sanabile entro termine stabilito dal giudice – sanabile dalla parte spontaneamente – conferma CDS 1541/2017)
33. TAR Sardegna, sentenza 12 settembre 2017, n.580
(ricorso notificato senza firma digitale – firma digitale apposta ai fini del deposito – mera irregolaritĂ  – sanabile entro termine stabilito dal giudice – sanabile dalla parte spontaneamente – conferma CDS 1541/2017)
34. Consiglio di Stato, Ad. Plen., sentenza 19 settembre 2017, n. 6
(notificazione PEC anteriore ad adozione d.P.C.M. 40/2016 – efficace – non necessaria autorizzazione presidenziale ex art. 52 co. 2 c.p.a.)

Comments are closed.